Emilia-Romagna

Cooperativa Terremerse

Costituita nel 1991, la Cooperativa Terremerse è il risultato dell’integrazione di diverse cooperative sul ceppo originario della CORAS, che affonda le proprie origini nella Cooperativa Servizi a Coloni, Piccoli proprietari e affittuari di Massalombarda, fondata cento anni fa, più precisamente il 30 aprile 1911 e a tutti gli effetti prima progenitrice dell’attuale Terremerse. Nel corso del tempo molteplici esperienze cooperative, in diversi territori e settori, hanno convogliato le proprie risorse e le proprie esperienze in Terremerse: agroforniture, conferimento di cereali e ortofrutta, lavorazione delle carni. Terremerse è oggi una realtà consolidata nel settore agroalimentare, con un fatturato di 157 milioni di €, capace di mettere in rete le produzioni e i valori dei propri 5.271 soci (ai quali vanno aggiunti anche oltre 88O soci sovventori), nonché di offrire loro servizi ricercando rapporti di partnership sia nel mercato di destinazione finale dei prodotti sia in quello dell’organizzazione dei conferimenti. L’obiettivo: creare valore per la filiera agroalimentare in modo sostenibile nei confronti di consumatori, soci, clienti e collaboratori, nel totale rispetto delle persone e dell’ambiente. Le principali aree di mercato che vedono protagonista Terremerse a livello nazionale e internazionale sono quelle dei cereal-proteici, dell'ortofrutta, delle agroforniture, delle macchine e attrezzature agricole, delle carni.

Le Romagnole Soc. Coop. Agricola p.a.

Le Romagnole Soc. Coop. Agricola p.a. è stata costituita in data 30.08.1990 da una fusione fra cinque Cantine Sociali ubicate nei territori di: Alfonsine, Bagnacavallo, Fusignano, Massalombarda e Voltana; quest’ultima è la Cantina che ha incorporato le altre quattro ed era stata costituita il 06.08.1947. Subito nell’immediato dopoguerra, i produttori viticoli della Bassa Romagna si costituirono in Cooperative e diedero vita alle prime esperienze associative di Cantine Sociali; l’obiettivo era quello di produrre e vendere direttamente il vino ottenuto dalla produzione delle proprie uve cercando di realizzare remunerazioni migliori rispetto a quelle ottenute vendendo l’uva ai privati. Alla fine degli anni 80 i Soci delle sopracitate Cantine elaborarono la convinzione che occorreva creare una dimensione d’azienda più grande onde poter razionalizzare i costi degli investimenti e diversificare le produzioni il tutto finalizzato ad ottenere migliori risultati economici per i propri associati. L’attività consiste nella lavorazione delle uve e commercializzazione di mosti e vini conferiti dai propri Soci. Viene inoltre fornito un servizio di indirizzo produttivo e tecnico ai produttori associati. La commercializzazione sui mercati del prodotto (vino, mosto, ecc) avviene tramite il servizio commerciale del Gruppo Cevico di cui Le Romagnole è socio di riferimento. Le Romagnole attualmente associa 2.146 produttori, di cui 32 soci e 2.114 imprenditori agricoli. Fra questi si contano 235 soci donne. Complessivamente i soci de “Le Romagnole” conducono Ha. 3.478 di vigneto.

Cantina dei Colli Romagnoli

La Cantina dei Colli Romagnoli è una protagonista indiscussa della viticoltura emiliano romagnola. Duemila soci che perseguono il progetto di valorizzazione delle produzioni viticole del territorio attraverso l’integrazione degli impianti di lavorazione e l’utilizzo di moderne tecnologie per la realizzazione di vini di qualità. Una visione proiettata al futuro, quindi, per quella che è una delle maggiori cantine dell’Emilia Romagna, con una capacità di conferimento di uve di circa 500.000 quintali, un patrimonio netto di 10 milioni di Euro e un fatturato di oltre 20 milioni di Euro. La Cantina dei Colli Romagnoli è inoltre socia del gruppo CEVICO, ovvero il proprio braccio commerciale che si occupa della commercializzazione dei vini in Italia e nel mondo proprietaria dei famosi brand GALASSI, RONCO, SAN CRISPINO, ROMANDIOLA, ROCCHE MALATESTIANE, ecc.. La Cantina dei Colli Romagnoli Soc. Coop. Agr. nasce ufficialmente il 9 giugno 2008 dalla fusione di Terre Imolesi e Copa di Faenza, proseguendo il 9 settembre 2009 con l'incorporazione di Terre Riminesi di Coriano e di Cantina Frantoio Rubicone di Savignano sul Rubicone. E' socia del Consorzio Vini Romagnoli e tra i fondatori del Consorzio Pignoletto.


login