Regione Toscana: prorogato il bando «Pacchetto giovani»

Regione Toscana: prorogato il bando «Pacchetto giovani» (mis. 6.1 PSR 2014 - 2020) per la concessione aiuti all'avviamento di imprese per giovani agricoltori Scadenza 16 novembre 2015

Con Decreto dirigenziale n. 2841 del 19/06/2015, pubblicato sul BURT n. 26 del 01/07/2015, è stato approvato un bando a valere sulla misura 6.1 del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020, che prevede la concessione di aiuti all'avviamento di imprese per giovani agricoltori.
Con Decreto dirigenziale n. 3577 del 30/07/2015, pubblicato sul BURT n. 32 del 12/08/2015, sono state apportate integrazioni al bando approvato con d.d. 2841/2015.
La misura è attivata attraverso la modalità cosiddetta "Pacchetto giovani", che prevede la concessione di un premio per l'avviamento dell'attività agricola e di contributi agli investimenti, attraverso l'attivazione obbligatoria di almeno uno tra i seguenti tipi di operazione del Programma di Sviluppo Rurale:
- sottomisura 4.1 “Sostegno agli investimenti alle aziende agricole”:
==> tipo di operazione 4.1.2 “Investimenti in aziende agricole in cui si insedia un giovane agricoltore”;
==> tipo di operazione 4.1.5 “Incentivare il ricorso alle energie rinnovabili nelle aziende agricole”;
- sottomisura 6.4 “Sostegno a investimenti nella creazione e nello sviluppo di attività extraagricole”:
==> tipo di operazione 6.4.1 “Diversificazione delle aziende agricole”;
==> tipo di operazione 6.4.2 “Energia derivante da fonti rinnovabili nelle aziende agricole.
Il sostegno è rivolto ai giovani agricoltori che si insediano per la prima volta in una azienda agricola, in forma singola (ditta individuale) o associata (società di persone, società di capitale e cooperative agricole di conduzione) e che al momento della presentazione della domanda di aiuto soddisfano i seguenti requisiti:
- hanno un’età compresa fra i 18 anni (compiuti) e i 40 anni (non compiuti);
- presentano un piano aziendale;
- si impegnano ad essere conformi alla definizione di “agricoltore attivo”;
- possiedono o si impegnano ad acquisire adeguate qualifiche e competenze professionali;
- si impegnano a diventare "imprenditore agricolo professionale";
- si insediano in un’azienda agricola che ha la potenzialità di raggiungere una dimensione espressa in termini di standard output non inferiore a 13.000 euro e non superiore a 190.000 euro;
- si insediano per la prima volta in qualità di capo azienda nei 6 mesi precedenti alla presentazione della domanda di aiuto.
L'entità del premio all'avviamento è pari a 40.000 euro per ciascun giovane che si insedia o a 50.000 euro nel caso di insediamento in aziende ricadenti in zone montane.
Per quanto riguarda le sottomisure relative agli investimenti, il contributo in conto capitale varia dal 30% al 50% delle spese ammissibili, in relazione alla tipologia di operazione e all'eventuale ubicazione in zona montana.
La domanda di aiuto deve essere presentata esclusivamente mediante procedura informatizzata entro le ore 13:00 del 16 novembre 2015 impiegando la modulistica disponibile sulla piattaforma gestionale dell’anagrafe regionale delle aziende agricole gestita da ARTEA di seguito “Anagrafe ARTEA” raggiungibile dal sito www.artea.toscana.it (scadenza prorogata con d.d. n. 4800 del 22/10/2015).
Per informazioni:
Regione Toscana Assistenza sul Programma di Sviluppo Rurale 2014-20
Artea help online
GiovaniSi Numero verde 800 098 719 (lun-ven, ore 9.30-16)
info@giovanisi.it


login